CAAT

Centro Agro Alimentare di Torino

Servizio de “Le Iene” sul commercio dell’ortofrutta a Km0

Servizio de “Le Iene” sul commercio dell’ortofrutta a Km0

Servizio de “Le Iene” sul commercio dell’ortofrutta a Km0

Gent.mi Operatori Grossisti
Gent.mi Produttori Agricoli
Insediati al CAAT

 

Oggetto: Servizio de “Le Iene” sul commercio dell’ortofrutta a Km0.

 

Gentilissimi Utenti,
nel corso della trasmissione “Le Iene” del 26.11.2014 è stata evidenziata la problematica della tracciabilità delle merci e dei prodotti ortofrutticoli, che nel recente passato aveva coinvolto le patate di origine francese vendute presso la grande distribuzione come patate italiane di alta qualità.
Questa volta vengono coinvolti i prodotti ortofrutticoli ottenuti da agricoltura convenzionale, venduti per quello che sono presso il Mercato Generale di Verona ed infine spacciati e venduti dal cliente acquirente come produzione a Km0, ottenuti da agricoltura biologica.
Non vi sono coinvolgimenti diretti né responsabilità del Mercato di Verona e degli imprenditori ivi insediati ma è di tutta evidenza che ultimamente, a torto o a ragione, i Mercati e i Centri Agro Alimentari vengono coinvolti in situazioni che, a parere di chi scrive, ingiustamente pongono in cattiva luce la filiera nel suo complesso ivi comprese le strutture distributive mercatali ove gli imprenditori grossisti e i clienti fornitori ed acquirenti operano ognuno col proprio ruolo e le proprie responsabilità.

Data la situazione Caat invita tutta la propria utenza a prestare particolare attenzione a queste situazioni denunciando alle competenti autorità, qualora percepito, qualsiasi illecito in cui aveste ad imbattervi.Invita inoltre gli operatori, i produttori agricoli e i clienti acquirenti in particolare a prendere coscienza dell’argomento adottando ogni corretta pratica e comportamento necessario al pieno rispetto delle norme in materia.


Si consiglia la visione del seguente link:
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/498338/agresti-quando-il...

 

Cordiali saluti.


Il Direttore Generale CAAT
Dott. Massimo Busi